Mappa dei talenti e dei bisogni 2

La Mappa dei Talenti e dei Bisogni | 2° parte (Video)

Svelando i Misteri: La Mappa dei Talenti e i 22 Arcani Maggiori – Parte 2

 

Ben ritrovati, cari amici e appassionati della Numerologia Esoterica, nel nostro affascinante viaggio alla scoperta della Mappa dei Talenti!

Se avete seguito la prima parte di questo articolo, avrete già avuto un assaggio di cosa sia la Numerologia Esoterica e di come essa possa influenzare positivamente il nostro cammino di vita.

Oggi, siamo pronti a immergerci nella seconda parte di questo percorso, esplorando insieme, in maniera superficiale, i significati dei 22 numeri e delle corrispondenti carte degli Arcani Maggiori.

Nella prima parte del nostro viaggio, abbiamo gettato le basi, introducendo i principi che stanno alla base della Numerologia Esoterica.

Abbiamo parlato di come i numeri possano essere interpretati e utilizzati come strumenti di consapevolezza e trasformazione personale.

Ora, è giunto il momento di addentrarci ulteriormente, analizzando uno per uno i 22 numeri che compongono la Mappa dei Talenti, e svelando i segreti celati dietro le 22 carte degli Arcani Maggiori.

Ogni numero, ogni carta, ha una storia da raccontare, un messaggio da condividere, e rappresenta un arco di trasformazione e crescita personale. Dal Matto, simbolo di inizio e potenzialità infinita, all’Il Mondo, che rappresenta il raggiungimento della completezza e dell’armonia, ogni passo di questo viaggio sarà una rivelazione, una chiave per sbloccare le porte della conoscenza interiore.

Questo video è stato pensato per introdurvi attraverso il labirinto simbolico degli Arcani Maggiori, aiutandovi a comprendere come ogni carta possa riflettersi nella vostra vita e diventare una bussola per il vostro percorso di crescita personale.

Allora, preparatevi a tuffarvi in questo oceano di simboli e significati, e lasciate che la Mappa dei Talenti vi guidi verso una più profonda comprensione di voi stessi e del mondo che vi circonda.

Benvenuti nella seconda parte del nostro viaggio alla scoperta della Numerologia Esoterica e dei 22 Arcani Maggiori!

Guarda la prima parte de La Mappa dei Talenti e dei Bisogni

 

 

Trascrizione del video:

Ciao, adesso vediamo quali sono questi 22 Arcani, o meglio, passiamo in rassegna tutti i ventidue arcani in maniera superficiale, così abbiamo un’idea di base del significato del numero. Guardando la carta possiamo renderci conto di quanto sia semplice interpretare il numero, una volta che abbiamo in mente l’arcano.

 

Questo è l’1, Il Bagatto

Il Bagatto, che cosa cosa rappresenta? Rappresenta il primo numero, dunque, la persona che è appena nata. Naturalmente Parliamo un linguaggio metaforico. La persona che è appena nata, che si trova di fronte a sé tutti gli strumenti come potete vedere. Il problema è che essendo appena nata, questi strumenti non li sa usare, dunque ha bisogno di conoscere, ha bisogno della creatività, ha bisogna di esperienza per diventare bravo a utilizzare questi strumenti.

Le caratteristiche principali del Bagatto sono: ha tutto in potenza, dunque può fare qualsiasi cosa, perché lui ha tutti gli strumenti. Di contro però, non conoscendo, non sapendo come utilizzare questi strumenti lui si blocca, si blocca e non inizia. Lui non inizia perché ha bisogno appunto di conoscere e di fare esperienza. Il secondo numero, il numero 2 rappresenta appunto la conoscenza.

Se il primo numero, il numero 1 ha tutti gli strumenti ma gli manca la conoscenza, il numero 2, La Papessa, è la conoscenza.

 

Il Numero 2, La Papessa

Lei ha bisogno di conoscere, Che cosa fa? Lei accumula conoscenza, accumulando la conoscenza, naturalmente i suoi talenti sono: intanto quello di conoscere, di sapere, ma ancora gli manca la creatività.

Dunque avendo gli strumenti e la conoscenza, senza la creatività, senza mai aver messo in pratica, e dunque senza esperienza, non è ancora completa, non sa ancora che cosa farsene di questa conoscenza, perciò la sensazione che lei ha è quella di aver bisogno ancora di conoscenza, ancora di conoscenza e quindi lei accumula conoscenza cosa che le procura naturalmente dei problemi, il fatto di accumulare. Questo è uno dei suoi conflitti.

Il lato positivo di base del 2 è che lei conosce. Dunque, questa conoscenza la può utilizzare poi naturalmente per diventare competente e mettere in pratica questa conoscenza.

 

Il Numero 3, la creatività.

Il 3 è la creatività sono le idee, il bisogno di esprimere, il togliere fuori queste idee e la creatività porta i 3 a comunicare. Infatti uno dei suoi Talenti è proprio la comunicazione. Il suo conflitto sta nell’avere difficoltà di comunicare, o di esagerare nel comunicare.

 

Il Numero 4, L’Imperatore.

Dopo l’1 che ha tutti gli strumenti, il 2 la conoscenza e il 3, la creatività, finalmente arriva il 4: la realizzazione. Dunque il 4 ha come talento la capacità di fare,
di realizzare, rappresenta la materia e tutto ciò che è la concretezza, il concreto. Dunque ha questa capacità, quella
di realizzare, quindi di fare, di comandare, di ordinare, rappresenta le leggi, è tutta

un’altra serie di cose, il suo conflitto è che a volte la paura magari di perdere questo suo… lui è un imperatore e ha bisogno di un territorio per esercitare, di qualcosa di suo, ecco la paura di perdere ciò che è suo lo porta a diventare un po’ tirannico, un po’ testardo.

 

Il Numero 5, Il Papa.

Il Papa, rappresenta il pontefice e la spiritualità. Lui spiritualizza, porta la spiritualità nella materia. e la fa insegnando, aiutando e una sua dote è proprio la capacità di insegnare, lui insegna l’essenza, l’essenza delle cose.

Un suo conflitto è il bisogno di riconoscimento e poi anche  quello di diventare un po’ pedante con questo bisogno di insegnare e di aiutare perché lo porta ad aiutare anche chi non ha bisogno ma è un suo bisogno quello di aiutare chi non ha bisogno.

 

Il Numero 6, L’Innamorato.

Il 6 riguarda il piacere, l’amore. Qui si vede trasparente ma in realtà non è trasparente, ho uno schermo uno sfondo virtuale che lo rende trasparente anche se
non è trasparente ma semplicemente perché vede il colore di colori di base che lo fa diventare trasparente. Comunque questo è il 6.

Lui ha bisogno di amare, ha bisogno di amore gli piace fare solo cose che gli piacciono, cose semplici della vita, gli piace essere scelto ha bisogno di sicurezza, ha bisogno che per gli altri lo scelgano, e per questo lui si predispone per essere scelto, cerca di far star bene gli altri per stare bene lui.

Un suo talento è un talento di tipo artistico, lui è un grande stratega, lui impara appunto, le strategie facendo proprio questo: cercando di piacere agli altri perché, dunque lui diventa stratega proprio per un suo bisogno.

Un suo conflitto è la difficoltà a scegliere, e viene rappresentato proprio nella carta proprio da queste due persone, e lui non sa da chi andare, per non fare un torto a nessuno dei due… Ha difficoltà appunto a scegliere.

 

Il Numero 7, Il Carro.

È sempre il ragazzo di prima che vediamo, che si stacca, mentre aveva difficoltà a scegliere, ora lui, non solo sa scegliere ma proprio si lancia e a volte si lancia anche senza riflettere, verso la conquista, verso l’ottenere gloria, nel conquistare.

Una sua caratteristica è che lui osa, lui si butta, si lancia, riesce perché ha appunto questa capacità, questa forza, questo coraggio. Lui è coraggioso. Il suo conflitto è che molte volte ha difficoltà, non a scegliere ma, a decidere quale strada prendere. Questo è il 7.

 

il Numero 8, La Giustizia.

Siccome nel 7 lui si butta e si lancia, e a volte sbatte anche il muso, proprio perché fa le cose senza ragionare, senza pensarci, l’8 interviene perché dice “qui ci vogliono delle regole” dobbiamo mettere delle regole e dunque l’8 interviene proprio perché è necessario avere delle regole per poter fare la cosa giusta e raggiungere, ottenere, avere successo nel modo giusto attraverso le regole.

Dunque parla di giustizia ed è anche un suo compito, se da una parte queste regole gli permettono di fare la cosa giusta, dunque di tenere, semplificare pianificare, eccetera, dall’altra il suo eccesso di giudizio lo porta ad avere i problemi.

Tutte queste regole, però, tutto questo ragionare a livello mentale, perché l’8 è un emisfero sinistro e dunque ragiona e ha bisogno di mettere regole, come ho appena detto per poter semplificare, e comunque, tutta questa esperienza riguarda il 9.

Il 9 è colui che ha fatto esperienza, dunque, a partire dall’1 passando per il 2 il 3 il 4 eccetera, si arriva all’8 le regole.

 

Il Numero 9, l’Eremita.

Il 9 a bisogno di riflettere. Le esperienze che ha fatto lo portano a riflettere su ciò che non è andato bene e su quello che ha imparato, invece, dall’esperienza che ha fatto. Queste esperienze le utilizza per aiutare gli altri e per migliorare se stesso. In Conflitto il 9 va spesso in crisi. Questo è un suo problema, va spesso in crisi e queste crisi sono comunque funzionali per lui. Guarda al passato, guarda il passato e vede tutto ciò che di brutto è stato. Questo fare lo porta a brontolare, al rimuginare sugli errori fatti.

 

Il Numero 10, La Ruota della Fortuna.

E con il 10 si rimette tutto in discussione, si ricomincia da capo. Il 10, Infatti, non è altro che un 1 più lo zero si rimette in discussione tutto e, dunque, si ricomincia.

Infatti il 10 è una carta di inizio di inizio che sta a significare che un suo desiderio, un suo bisogno, è proprio quello di ricominciare. Dunque un nuovo progetto, una nuova attività, una nuova esperienza, tutto ciò che è novità.

Il 10 viene rappresentato da questa sorta di zattera, sopra il mare dove ci sono questi due esseri, vedete che in questo cerchio c’è al centro una manovella dunque una sorta di timone, e sopra c’è questo essere, quest’altro essere, sono esseri, se guardate bene, sono esseri che non esistono, essere immondi però.

Che cosa rappresenta quello che c’è sopra? Rappresenta noi, noi che siamo spiritualizzati, perché il celeste rappresenta la spiritualità. Abbiamo dunque il potere di decidere dove andare. Se noi non prendiamo quel timone, se lasciamo che questi due esseri, che rappresentano le circostanze e gli eventi, girino la ruota, il timone, e ci portino dove noi non abbiamo scelto, dove noi non vogliamo andare, se non prendiamo quella manovella, se non decidiamo di prendere quella manovella, lasceremo che le circostanze e gli eventi decidano per noi. E si ricomincia da capo. Perciò in Conflitto lui si blocca, non prende quella manovella, si blocca e lascia che le cose vadano come devono andare e dice: “se Dio vorrà accadrà”, succederà.

 

Il Numero 11: La Forza

L’11 non è altro che un 1 che ha ha imparato, ha fatto esperienza dunque, è diventato maestro di quegli strumenti che abbiamo visto nell’1.

L’11 rappresenta la maestria, soprattutto la maestria della propria forza, della propria autostima, delle delle proprie energie. L’11 invece si fa vincere da questo eccesso di energia, questa energia che non sa controllare.

Lui è bravissimo, o lei, insomma, è bravissima a fare, a lavorare e a fare cose precise. È la maestria, capacità che ha sviluppato col tempo. Ma purtroppo c’è questo aspetto né negativo, dico purtroppo tanto per dire, ma ha questo aspetto negativo che quando, siccome sa che ha queste capacità, che ha questa energia, che ha questa maestria, quando qualcuno mette in dubbio le sue doti, le sue capacità, lui o lei, diventa molto permalosa, e viene fuori tutta quella energia che si trasforma in rabbia, in collera.

 

Il Numero 12: L’Appeso

Poi viene il 12, che è un altro modo di vedere il mondo, perché è vero che abbiamo raggiunto la maestria, ma vedere le cose dallo stesso punto come le vedono gli altri non porta a crescere.

Lui è un autodidatta, lui ha bisogno di di vedere le cose da un punto di vista differente, dunque mette tutto in discussione, non si vuole uniformare. Una sua caratteristica è proprio questa: vedere le cose dal punto di vista differente gli permette di fare cose che gli altri non fanno.

Invece, il suo conflitto, come potete vedere lui è legato, ha questa sorta di cordone ombelicale, è una persona che si sacrifica, e lo fa soprattutto per la famiglia.

 

Il Numero 13: (La Morte)

Il 13 cosa fa? Siccome il 12 è legato alla famiglia, come detto prima dal cordone ombelicale, e si sacrifica, e questo sacrificio gli impedisce di evolvere, perciò con questa falce taglia i genitori, che gli impediscono appunto di evolvere.

Il 13 è una carta di trasformazione, ha bisogno di eliminare tutto quello che gli impedisce di evolvere. Il conflitto del 13 è che molte volte elimina anche chi non dovrebbe eliminare, diventa anche una furia e con questa falce falcia tutto. Dunque c’è bisogno di calma, di tranquillità che viene poi col 14, che è La Temperanza.

 

Il Numero 14: La Temperanza

Piuttosto che eccedere, con rabbia collera eccetera, il 14 cerca di mitigare, è una sorta di pacere, di diplomatico. Il 14 rappresenta tutto ciò che è bene per il nostro organismo, dunque la naturopatia le medicine alternative. Il 14, come conflitto, ha la dipendenza verso abitudini, cose o persone, perché si prende cura degli altri, è una sorta di angelo, si prende cura delle persone, delle cose, e a volte dipende proprio da queste cose.

 

Il Numero 15: Il Diavolo

Poi arriva il 15. il 15 è il un’altra sorta di trasformazione è buttare fuori tutto quello che noi abbiamo dentro, tutto ciò che ci emoziona, che emoziona gli altri quindi, che sorprende. Nel 15 c’è il bisogno di vivere le proprie emozioni. Nel 15 ci sono anche i tabù, c’è tutto ciò che è visto come non legale che riguarda il denaro, il sesso, il cibo a lu lui ha la capacità di manifestare dal nulla, di creare, di sorprendere… Di contro ha che quando è privo di emozioni, non funziona, emergono gli aspetti negativi del 15.

 

Il Numero 16: La Torre

Il 16 è l’emozione che finalmente esce fuori, perché nel 15 l’emozione era soffocata nel 16 invece viene fuori Il 16 solitamente viene visto come un qualcosa di brutto, la torre che viene buttata giù dal fulmine di fatto può significare molto più. Il 16 dal punto di vista positivo, rappresenta il buttare giù quel muro, muro che ci impedisce di mostrare come siamo.

Molte persone si uniformano, creano un’immagine che non non è giusta per se stessi. Magari va bene per gli altri, dunque mostra ciò che gli altri vogliono vedere e questo, naturalmente, gli impedisce di vivere le proprie emozioni.

Dunque questo sta a significare il buttare giù la torre e queste due persone, che noi vediamo che sembrano cadere giù dalla torre, invece pare stiano facendo le acrobazie, facendo le capriole, e quei puntini, quelle palline tutte colorate, sono i coriandoli. È dunque una carta positiva.

Chi ha il 16 solitamente è un ottimista e vuole vivere la vita in allegria. Il conflitto è quello di rimanere chiuso nella torre questa facciata, con queste pareti, con questa torre che gli impedisce appunto di mostrare veramente chi è.

 

Il Numero 17: La Stella

Il 17 ha buttato giù la torre e vuole farsi vedere com’è, come potete vedere lei è nuda. Lui, o lei, è generosa, sta sta riversando qualcosa nell’acqua e nella terra… dei fluidi. È la generosità, lei è la coscienza cosmica, dunque ha bisogno di mostrare e mostrarsi com’è, sincera, come mamma l’ha fatta, nuda. Dice quello che è, ed è quello che dice.
In conflitto, ha diversi conflitti legati al fisico e poi, molte volte parla troppo e dice cose che possono offendere. Perciò può omettere o dire bugie.

 

Il Numero 18: La Luna

Il 18 è tutto ciò che è dentro di noi, la sensibilità, la femminilità, dunque l’introspezione. È tutto ciò che appartiene alla luna, il romanticismo… mentre il 19 è tutto ciò che è esterno di noi. Se nel 18 tendiamo a lavorare all’interno di noi e dunque a un lavoro che magari non viene visto esternamente che ci porta a fare un po’ come fa il 9, quando entra in conflitto, perché nel 18, il conflitto è la depressione, la depressione non intesa come malattia, ma una sorta di crisi più forte rispetto a quella del 9.

 

Il Numero 19: Il Sole

Il 19, invece, è il calore, come il sole, lui ha bisogno di aiutare, ama lavorare in team, fa dei progetti dove coinvolge gli altri nei suoi progetti. Dunque, quando fa qualcosa per sé lo fa anche per gli altri. Quando va in conflitto smette di aiutare, diventa un po’ egoista.

 

Il Numero 20: Il Giudizio

Il 20 è Il Giudizio. Il 20 rappresenta ancora il conflitto tra l’emisfero sinistro e quello destro. Ma nel 20, che è una delle ultime carte, è il ricongiungimento del maschile e del femminile, è dunque “finalmente capisco che tutto ciò che io pensavo prima non erano altro che  seghe mentali, che erano cose, idee, a cui io prestavo fede, perché pensavo che senza… che avevo bisogno di permesso per poter fare certe cose, mentre invece io ho la possibilità, io posso fare”.

Dunque nel 20 c’è un risveglio. La persona che sta suonando quello strumento non fa altro che una sorta di sveglia, perché deve smettere di pensare, smettere di pensare che deve chiedere il permesso, o l’autorizzazione agli altri, per fare ciò che invece può fare.

 

Il Numero 21, Il Mondo.

La realizzazione, finalmente. Abbiamo i quattro aspetti, che sono l’ottenimento, il raggiungimento, la realizzazione, dell’aspetto materiale, di quello emozionale/sessuale, poi abbiamo l’aspetto spirituale e l’aspetto intellettuale. Dunque, nel 21 finalmente arriviamo alla completezza, alla realizzazione totale. Quando è in conflitto si sente prigioniera, si sente non realizzata, e questo la porta naturalmente ad abbattersi a vivere negativamente.

 

Il Numero 22: Il Matto

Arriviamo al 22 che è, finalmente, l’illuminazione, il raggiungimento totale, non ha più bisogno di niente, si libera completamente di tutto ed è libero. Può andare nel mondo, in questa strada celeste spiritualizzata, e lì non ha più bisogno di niente, se non di quel sacchetto dove, si dice, all’interno ci siano tutti gli strumenti del Bagatto, tutti gli strumenti che sono comunque suoi, sono ormai dentro di  lui.

Lui ha tutte le carte che abbiamo visto in precedenza. Quello che è lo porta in conflitto è di nuovo l’aspetto materiale. Tutto ciò che possediamo, tutto ciò che lui possiede, che possono trattarsi di oggetti, libri, terreni, case, un’auto, qualsiasi cosa lo porta a essere costretto, legato a quella cosa.

Invece lui non vuole essere legato, lui vuole essere libero, persino i pensieri, le idee, le usanze, le regole, portano il 22 ad andare in conflitto. Lui non vuole avere e seguire nessuna regola, lui è libero. È libero.

Ho passato in rassegna queste 22 carte per far comprendere quanto è semplice poi alla fine interpretare i numeri quando si ha in mente la carta dell’arcano corrispondente al numero.

In ogni carta, queste sono le carte della numerologia esoterica, in ogni carta abbiamo il nome, abbiamo il simbolo, come potete vedere qui, abbiamo la lettera ebraica, abbiamo il pianeta.

Il 22 è diverso dalle altre carte, abbiamo il simbolo, abbiamo il segno zodiacale, oppure il pianeta, e comunque poi ci sono tutta una serie di simboli all’interno delle carte che ci fanno capire, per esempio questa è un’aragosta nell’acqua, abbiamo la luna e abbiamo i cani. Cosa rappresenta questa carta?

L’aragosta rappresenta l’andare in profondità, quello che fa il 18, entra in profondità, dentro se stesso, per togliere fuori, le gemme, quegli aspetti importanti, che possono essere romantici, filosofici, che possono essere di qualsiasi natura, ma è ciò che di prezioso ha dentro di sé, ed è rappresentato da queste gemme.

I due cani sono la sensibilità che ha il 18 e la luna rappresenta le influenze, le influenze che ha la luna sul mare sull’acqua, ovviamente su tutto, anche su di noi.

Poi gli altri simboli rappresentano altri significati, così come i colori della carta.

Bene anche per questo video per questa video lezione è tutto, ci vediamo al prossimo video, Ciao

Lascia un commento

Scopri di più da Numerologia Esoterica

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Hai bisogno di aiuto?